Via G. Bensi 12/5 – 20152 Milano
+39 02 87211700

Delibera “tetti puliti” a Roma: incentivi per efficientamento energetico

16/09/2015

Una novità importante sul fronte efficientamento energetico in Italia: è stata approvata a Roma la delibera “tetti puliti” da parte dell’Assemblea Capitolina del Comune, normativa che introduce incentivi per i proprietari che hanno intenzione di rifare i tetti e installare antenne centralizzate eliminando così l’antiestetica e dispendiosa proliferazione selvaggia delle antenne singole; nella delibera sono previsti anche incentivi per chi bonifica i palazzi dall’amianto o realizza impianti comuni a risparmio energetico come ad esempio impianti fotovoltaici.

La delibera è la n. 39 del 21 luglio 2015 e, come sottolineato nel comunicato ufficiale del Comune di Roma, “getta le premesse per una Roma più ecologica e bella, dando nel contempo impulso all’occupazione nei settori dell’edilizia e dell’artigianato e restituendo alla città uno skyline più ordinato in vista del prossimo Giubuleo”.

Per garantire una maggiore efficienza e diffusione della delibera, è stata definita l’esenzione dalla Cosap (Canone Occupazione Spazi e Aree Pubbliche) per i cantieri che lavorano in tutta la città – sia nel centro che nelle periferie – alla ritinteggiatura dei palazzi cittadini e alla sostituzione delle antenne singole con quelle centralizzate; inoltre la delibera prevede lo storno, in favore dei proprietari e dei condomìni, di una parte dell’imposta comunale per l’eventuale pubblicità sui ponteggi, nonché ulteriori incentivi per chi elimina amianto ed eternit e per chi installa impianti a risparmio energetico.

Come ricordano dal Campidoglio, a questo bonus potranno inoltre aggiungersi le detrazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie e il “superbonus” del 65% sui i lavori di adeguamento degli edifici; in sostanza i lavori per dare una nuova vita ai vecchi palazzi diventano più economici e il guadagno sarà non solo dal punto di vista dell’immagine ma anche della salute: come ricorda Erino Colombi (presidente della CNA di Roma) “il 60% degli edifici, circa 80mila a Roma, ha più di quarant’anni; il 20% del totale è in stato di manutenzione mediocre o pessimo: parliamo in quest’ultimo caso di 25.500 edifici. A conti fatti, considerando che mediamente in ogni edificio ci sono 9,5 unità, le abitazioni potenzialmente interessate sono 242.400”.

I lavori dovranno svolgersi in sei mesi al massimo per gli edifici non tutelati e in un massimo di nove mesi per gli edifici di pregio storico. È possibile presentare domanda fino a dicembre 2017, ma fino ad esaurimento del finanziamento, per il quale si prevedono ingenti richieste.

Innovatec è a disposizione per dare ulteriori informazioni in merito e per supportare il cliente nella presentazione della domanda: pe rmaggiori informazioni contattare il numero verde 800 10 16 01 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e 14:00 alle 18) o compilando il form a questo link .

Privacy Preferenze
Quando navighi il nostro sito Web, può memorizzare informazioni attraverso il tuo browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Si noti che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.